Assya

Nasco troppi anni fa all’ombra dell’Etna spiazzando tutti anticipando i tempi di consegna.

Col senno di poi potevo pure prendermela comoda. Cresco respirando il Vesuvio e dai due vulcani che mi hanno svezzata assorbo la sopraffina arte del borbottìo.

Negli anni imparerò a lamentarmi per tutto: il caldo, l’umanità, la mia cellulite, la sorte avversa ed il fatto che Madre Natura non mi abbia voluta alta e magra come io credevo di meritare.

Studio greco e latino al liceo classico per dimenticarli mentre ritiro il diploma, frequento Giurisprudenza per lamentarmi di quanto non mi piaccia il diritto e ricordarmi di quanto in realtà mi piacesse tradurre dal greco.

Frequento una scuola di teatro, faccio radio, divento una cuoca a domicilio, apro un piccolo blog, continuo a borbottare e, siccome sono donna, spesso faccio tutto contemporaneamente (o quasi).

Ho un marito il cui processo di beatificazione è iniziato al momento del “sì” ed un cane che chiamo “amoredimamma” fregandomene di quello che pensa la gente. Sono geneticamente camurriusa e credo fortemente che noi donne abbiamo una marcia in più.

Fosse anche solo quella che ci permette di rompere le scatole al creato mondo!

 

I disegni raffiguranti le “teste di moro” con le fattezze delle autrici sono state realizzate dall’illustratore Alessandro Filetti